Bentrovate!


Visita a un'abbazia durante una delle nostre passeggiate

Ore 5.50. La sveglia suona. 
Ore 6.05. Mi siedo sul letto cercando di connettermi con il mondo e provando a farmi una ragione del fatto che devo andare a lavoro.

Sono state tre settimane bellissime.
Ho vissuto con estrema lentezza. 
Sveglia con calma, abbondante e tranquilla colazione, passeggiate, mare, libri, serate con gli amici tra barbecue a cena e drink dopocena e poi chiacchiere, tante chiacchiere con i miei, spesso accoccolata tra le loro braccia, a respirare a fondo il loro profumo, così che me ne rimanesse abbastanza dentro per sopportare i lunghi periodi di astinenza…
Sono stata davvero bene.
E MrSun è stato perfetto. Sempre al mio fianco, sempre pieno d’amore e passione, sempre lui.

Tornare a casa sabato sera è stato traumatico. 
La tristezza del distacco, e poi il caldo afoso, le tante cose da sistemare, il pensiero della quotidianità da riaffrontare… e già ieri sono andata in tilt…
poi per fortuna mi sono ripresa subito, respirando a pieni polmoni e pensando a quanto è bello non affannarsi, prendere le cose alla leggera, fare quel che si può e il resto si farà, non dimenticare le priorità.

Ora sono in ufficio ma tutto tace. 
Dalla mia finestra vedo una delle vie principali di Roma, brulicante di turisti, assolata e oziosa e sono serena, nonostante il rientro, nonostante questi doloretti di pancia preannuncino l’arrivo dell’ennesimo ciclo…


Vi ho pensato tutti i giorni, immaginando le vostre vacanze.
Mi siete mancate.
Vi stringo tutte e vi auguro una ripresa energica e gioiosa! 

6 commenti:

  • Emily | 22 agosto 2011 12:50

    Bentornata cara!!!! Anche io sono tornata alla routine, tristemente... ma alla fine penso che senza la nostra quotidianità ci sentiremmo vuote!
    P.S. Beata te che stai a Roma!!! Io sono in astinenza dalla mia patria....

  • Nora | 22 agosto 2011 14:07

    So che tornare in ufficio dopo un periodo così bello, meravigliosamente lento, deve essere faticoso. Eppure io da super precaria che un ufficio suo non lo ha e si ritrova a svolgere lavori qui e lì... eh sì, un po' v'invidio. Sogno la routine del lavoro stabile (ammesso che in tempi come questi si possa parlare di stabilità).

    Hai descritto meravigliosamente la tua vacanza, sono lieta che tu abbia vissuti momenti così speciali e intensi. La tua foto troppo carina, ha uno stile alla Jane Austen!

    Ora che siamo tornate, dobbiamo investire buona parte delle nostre energie ai progetti per l'autunno. Pronta?! :-)

  • Nora | 22 agosto 2011 14:08

    PS: ma come ho scritto? Mi sono persa un "è" e volevo scrivere nei progetti... Pazienza, ci siamo capite!

  • Anonimo | 22 agosto 2011 14:37

    come ti capisco, non riesco + a commentare col mio account!!! ufff. baci
    ilaria pedra frollini

  • pinkmommy | 22 agosto 2011 20:10

    bentornata!!! anche io sono rientrata ieri, mi devo ancora riprendere dallo choc!!! ;)

  • missSunshine | 23 agosto 2011 12:14

    Grazie ragazze!!! si ricomincia... ed è bello ritrovarvi!! :-)

    cara nora hai ragione, avere un ufficio che mi aspetta mi dà un senso di stabilità comunque, anche se so che tutto balla e non c'è certezza di nulla!! e anche se non faccio ciò per cui ho studiato e questo lavoro certo non mi appassiona, è un lavoro e mi dà la possibilità di pagare il mutuo e di poter fare qualche progetto. per cui non mi lamento. ti auguro davvero con tutto il cuore di realizzare presto il tuo desiderio di un lavoro stabile e che sia possibilmente anche quello che ti piace!!

    baci affettuosi a tutte voi!

Posta un commento