OggiAMO per nina

OggiAMO un tuffo nel passato...

ricordo le estati della mia adolescenza, quando finita la scuola mamma preparava le nostre cose e ci portava in campagna a trascorrere i tre mesi di vacanza...
ricordo l'euforia nel preparare le borse e caricarle in macchina e poi la frenesia dell'arrivo con tutte le nostre cose da sistemare e insieme la voglia di cominciare a correre nei prati, a ricercare i piaceri lasciati lì l'anno precedente...
ricordo l'odore del caffelatte la mattina, mentre ancora assonnata scendevo dal letto a castello e mi infilavo cinque minuti (così dicevo "solo cinque minuti!") nel lettone con il babbo, e sentivo il profumo di mamma sul cuscino...
ricordo i giri in bici, e poi i rollerblade, e l'altalena e l'amaca gigante... 
ricordo il caldo afoso del pomeriggio, quando mamma ci costringeva a stare in casa che era sempre fresca, e io leggevo il mio topolino sul divano, mentre i miei fratelli non facevano che litigare...
ricordo le corse per arrivare in tempo alla masseria vicino casa a veder mungere le mucche... e quell'odore di stalla che mi rimaneva appiccicato addosso per ore...
ricordo la fila con i miei fratelli per fare la doccia e poi il pigiama fresco e profumato, preludio della sera...
quando con nonno mi sedevo sotto il pergolato a giocare a carte (quello che so fare l'ho imparato da lui!nonnino mio...)...
e il frinire dei grilli,
e il profumo di origano sul pane e pomodoro della nostra cena,
e la frutta succosa,
e la buona notte dopo una giornata piena di profumi, sapori, giochi, scoperte, risate e coccole di mamma...
...piena d'estate...

Grazie Nina per la tua bellissima idea!!:-)
appena ho letto il post, non so perché, questi e un'altra miriadi di ricordi hanno invaso la mia testa e deliziato il mio cuore...


6 commenti:

  • Nina | 18 giugno 2011 10:10

    Grazie Miss che ricordi che mi hai risvegliato! Quando ero piccola trascorrevo gran parte delle vacanze dai miei nonni in campagna, mi ritrovo in molti dei tuoi scenari emotivi.
    La panzanella...l'odore del basilico e dei pomodori...il pigiamino, le cicale, la bicicletta, giocare a carte col nonno...
    Mi ero concentrata sul presente, tu mi hai riportato alla dolcezza delle estati di bambina.

    pciù :*

  • Nora | 18 giugno 2011 10:25

    Ah... che belli i pomeriggi passati a leggere Topolino sul divano... quando l'estate sembrava essere più lunga, più calda, più bella. Quando c'erano i nonni a viziarti con focaccia e gazzosa.
    I tuoi ricordi hanno stimolato anche i miei...
    Un abbraccio e buon fine settimana!

  • Ilaria Pedra | 18 giugno 2011 15:31

    e' vero, è successo lo stesso a me: dopo aver scritto il mio post a tema, ho pensato che avrei potuto dire molto di +. Però le prime cose che mi sono venute in mente le ho sentite tanto "mie". Un bacione cara!!

  • SuPeRaNa | 18 giugno 2011 21:42

    .. bellissimo. con il tuo racconto mi sono affiorate alla mente una marea di ricordi della mia adolescenza e della mia infanzia..le letture del topolino, il fatto che in casa era ssempre più fresco che fuori. il fare il difeare le valige (che ora che abbiamo da stirare e lavare ) non hanno più quella poesia!! garzie mille bellissimo post.

  • missSunshine | 19 giugno 2011 11:52

    che bella anche la condivisione dei ricordi,eh ragazze?!!
    ieri ho fatto emozionare mamma perché ho cominciato a riempirla di:"ti ricordi quello e ti ricordi quell'altro..." e le ho fatto riaffiorare immagini e momenti che anche lei non 'rivedeva' da tanto!
    ora non vedo l'ora di tornare a casa per recuperare un po' di foto!! :-)
    grazie ancora a te nina e grazie a tutte voi per i vs racconti!
    vi abbraccio e vi auguro una dolce domenica!:-)

  • Nina | 19 giugno 2011 12:28

    Uhuuuu ma che bello l'EFFETTO DOMINO! Una cosa se ne porta dietro mille altre! felice di aver smosso tutto questo, è il giocod el buon umore, io lo sapevo!!! Grazie a voi fantastiche donne.

    @Ilaria anche io appena finito di scrivere ho pensato - Nooooo non ci ho scrittoquesto e questo e questo - ma ero certa che questi pezzetti di me li avrei ritrovati sparsi nei vostri post.
    Tipo la siesta del pomeriggio, le persiane accostate per non far entrare il caldo...mentre sentivo i rumori dalla cucina, dove nonna, mamma e ziee trafficavano...Che nostalgia...

Posta un commento